LO SVILUPPO E I GIOCATTOLI DURANTE IL 2° ANNO DI VITA DEL BAMBINO

Il secondo anno di vita del bambino è ancora caratterizzato dall’importanza prevalente dello sviluppo senso-motorio e comincia a maturare un forte desiderio di autonomia che si realizza principalmente con il consolidamento della motricità di spostamento e con la comparsa del linguaggio.

Tra i 12 e i 15 mesi infatti si passa dallo spostamento a carponi alla deambulazione, attraverso l’autonomia e il consolidamento della stazione eretta. L’attività esploratoria è continua e, poiché il senso dell’equilibrio, la comprensione e l’uso del linguaggio sono ancora assai limitati e il desiderio di azione indipendente è sconfinato, è necessaria una continua sorveglianza per proteggere i bambini dai pericoli.

Dal momento che il controllo sul corpo progredisce rapidamente, il bambino si dedica durante questo anno a molte attività che implicano movimenti grossolani come lo spingere, il tirare e il trasportare grandi oggetti. Seduto su un piccolo triciclo è capace di farlo muovere verso una certa direzione, ma lo fa tenendo i piedi per terra.

Anche la relazione con l’adulto si arricchisce: vi è imitazione immediata dei gesti, porge gli oggetti e se li riprende e comincia ad accettare la frustrazione data dai divieti imposti.

In questa fase si sviluppa la permanenza dell’oggetto, che permette al bambino di cercare gli oggetti anche quando non sono più nel suo campo visivo e di ricostruire l’ordine spazio-temporale.

Intorno a 18 mesi lo spazio acquista la terza dimensione: il bambino sa arrampicarsi su una sedia e salire dei gradini non troppo alti, intraprende i primi tentativi di corsa, sa lanciare la palla e costruire una torre.

Comincia a dimostrare una preferenza di lateralità nell’uso di un arto piuttosto che dell’altro e si consolida l’utilizzo della pinza superiore per afferrare oggetti di piccole dimensioni.

Normalmente sa dire varie parole oltre a “mamma” e “papà” parlando una specie di gergo fatto di ogni tipo di sillabe, vocaboli ed espressioni onomatopeiche, in seguito continuerà a godere nel fare una sorta di conversazione immaginaria in una confusione di suoni e di parole.

L’imitazione dei gesti degli altri ora è differita, operazione attraverso la quale il bambino dimostra di possedere un’efficiente memorizzazione di dati di natura sensoriale e cinetica, che riguardano però soprattutto lui stesso che è in questo momento il centro del suo universo (egocentrismo infantile).

Alla fine di questo secondo anno, intorno ai 2 anni il bambino è in grado di correre, camminare all’indietro, salire e scendere le scale; gode inoltre nell’ascoltare le favole e nel raccontare agli altri quello che vede.

E’ presente il gioco in parallelo: gioca accanto agli altri bambini, ma non con loro. Ama giocare con la sabbia e con l’acqua riempiendo e svuotando contenitori e/o secchielli, gioca a nascondersi, a palla e con semplici giochi di incastro.

C’è un’evoluzione anche nelle autonomie personali: si sveste da solo e può aver raggiunto il controllo sfinterico.

GIOCATTOLI  I giocattoli che procurano il maggior divertimento ai bambini dai 12 ai 24 mesi sono quelli che permettono loro di muoversi e di esplorare gli oggetti e il mondo circostante. Viene di seguito proposta, a livello esemplificativo, una lista di giocattoli all’interno della quale genitori e/o educatori possono trovare qualche suggerimento nel difficile compito di fornire stimoli ludici adeguati per quella che è l’attività principale di crescita e sviluppo dei bambini di cui si prendono cura:

  • Cavallini a dondolo, tricicli, o veicoli sui quali sedersi dotati di protezioni laterali che possono essere spinti da parte di adulti;
  • Palle di gomma o di plastica che possono essere facilmente lanciate;
  • Semplici strumenti musicali quali ad es. pianoforti o tamburelli, con caricature di animali e tasti grandi e facili da suonare;
  • Piramidi e torri da costruire;
  • Giocattoli all’interno dei quali inserire parti caratterizzate da forme e colori diversi;
  • Giocattoli da sabbia e acqua: secchielli, palettine, formine, barchette;
  • “Push and pull”, cioè tutti i giocattoli da “spingere e tirare”: es. animali su ruote, barche macchine dotate di forme poco realistiche e con effetti sonori;
  • Veicoli con forma caricaturale, molto semplici e leggeri;
  • Bambole di gomma o di stoffa, con un design semplice e una struttura facilmente maneggevole;
  • Libri giocattolo di tessuto, con pagine spesse, da colorare, che producono suoni o con effetti “pop-up”;
  • Scatole musicali.

Il bambino si stanca di avere sempre le stesse cose, come del resto facciamo noi, e la varietà gli offre maggiori possibilità di divertirsi e imparare cose nuove.

[ Top ]  [ Back ]

UL
Conal
Eco Safe Textile

IISG Srl - Via Europa 28, Cabiate (CO), Italia - Tel +39 031 76927 - Fax +39 031 756782 - P.IVA IT02326220130 - C.F. e N. Iscr. Reg. Imp. 10343230156. Copyright © 2015 UL LLC.