DAI 12 AI 14 ANNI: IL PENSIERO ASTRATTO

In questi anni comincia il processo della prima adolescenza che si accompagna a molte modificazioni anche piuttosto repentine.
In primo luogo queste modificazioni riguardano i cambiamenti fisici del corpo, sia a livello di forme e dimensioni, sia nel senso della forza e delle nuove possibilità fisiche che si vanno a scoprire. A quest’età possono essere fisicamente un po’ impacciati o goffi, poichè il loro cervello ha bisogno di abituarsi agli arti recentemente divenuti più lunghi e alle dimensioni accresciute di tutto il corpo. Per questo motivo è importante in questo periodo un moderato ma regolare esercizio fisico che possa migliorare la coordinazione e fornire abitudini salutari.

A partire da questa età si raggiungono le ultime acquisizioni dal punto di vista cognitivo. Si entra, secondo le teorie di Piaget, nella fase del pensiero operatorio formale. In questa fase il ragionamento di cui diventano capaci i ragazzi è di tipo ipotetico – deduttivo perchè consente di compiere operazioni logiche sulla base di premesse puramente ipotetiche, non per forza calate nella realtà degli oggetti, e di ricavarne le conseguenze appropriate. E’ chiamato “ipotetico” perchè, una volta che il ragazzo è riuscito ad individuare i potenziali fattori coinvolti in un fenomeno che vede accadere, prova a modificarli per verificare quali fattori siano i responsabili di quel particolare fenomeno. Inoltre il ragazzo a questo punto è in grado di stabilire le appropriate relazioni logiche tra fatti e regole generali, sulla base del ragionamento astratto del “se… allora…”. In questa fase quindi il ragazzo è capace di costruire ipotesi, provare anche mentalmente a elaborarle, senza ricorrere subito al supporto materiale, e proporre diverse soluzioni possibili prima di verificarle nella realtà. Il ragazzo inizia a pensare in termini di eventi possibili, pensando all’ “ideale”, ai mondi possibili, ai valori, al futuro.
L’adolescente si concentra quindi in lunghe speculazioni sfruttando al massimo le competenze logiche appena acquisite.

Anche in questa fase, come nelle precedenti, i giocattoli più apprezzati sono quelli che sono in linea con le nuove acquisizioni psico-fisiche. I ragazzi si concentrano infatti sulle attività sportive per mettere alla prova il fisico in cambiamento e si divertono allo stesso tempo anche nello sfidarsi e mettere quindi in competizione le nuove e più energiche potenzialità corporee. Si impegnano inoltre in giochi di società con regole e strategie da mettere in atto sempre più complesse e che coinvolgono l’uso di ragionamenti molto più articolati, di cui si sentono ora più capaci e consapevoli:

  • console e accessori per videogiochi
  • giochi di società con regole complesse e strategie elaborate da mettere in atto
  • attrezzature sempre più realistiche per attività sportive e giochi di squadra che implicano attività fisiche
  • giocattoli che sviluppano competenze e conoscenze di tipo chimico, fisico o in generale scientifico
  • attrezzatura sempre più vicina a quelle reali per ascoltare o produrre musica

[ Top ]  [ Back ]

UL
Conal
Eco Safe Textile

IISG Srl - Via Europa 28, Cabiate (CO), Italia - Tel +39 031 76927 - Fax +39 031 756782 - P.IVA IT02326220130 - C.F. e N. Iscr. Reg. Imp. 10343230156. Copyright © 2015 UL LLC.